Marte e Venere.
Marte dio della guerra è considerato dagli Etruschi figlio di Ercole e Minerva protettore della città di Roma e del suo impero, il popolo che trae da lui, padre di Romolo e Remo, le proprie origini: è ritratto come un giovane dall’aspetto virile con l’elmo, lo scudo e la spada. Venere, dea della bellezza, seppur sposa di Vulcano vive innumerevoli altri amori con divinità e mortali tra cui il dio Marte e il principe troiano Anchise, dalla cui unione nasce Enea. La dea è raffigurata distesa in abiti discinti mentre un putto le porge un pomo.

Mars and Venus
Mars, god of war, is considered by the Etruscans to be son of Hercules and Minerva protector of the city of Rome and of its empire, the people who derive from him, the father of Romulus and Remus, their real origins: he is depicted as a young man of virile aspect with the helmet, shield and sword. Venus, goddess of beauty, even though the wife of Vulcan lives innumerable other loves with divinities and mortals amongst whom is the god Mars and the Trojan Anchises, from whose union Aeneas was born. The goddess is depicted lying half-undressed while a putto offers her an apple.